Blog

FuorITinerario_Sponsor_TEDxAssisi
17
Ott

Back to Simplicity and Discover Your Italy

The Tour Operator FuorITinerario Sponsors TEDxAssisi


FuorITinerario – Discover your Italy
is a sponsor of TEDxAssisi. Read this interview with its co-founder and owner, Matteo Della Grazia: we have asked him about foreign tourism in Umbria, opportunities and ways to improve the hospitality in our region and things in common between FuorITinerario and the theme of TEDxAssisi, Back to Simplicity.

Hi Matteo, describe briefly your activity.

FuorITinerario is a tour operator that organizes tours for foreign tourists in Italy. We create guided tours for individuals and small groups based on their interests: culture, food and wine, local traditions and so on. We mix classical activities, such as visits to museums and churches, with some tipical Italian events.
These guided tours are more than a series of stops, they are experiences from which people get to know Italy and the Italian culture in a different and deeper way. Our plus is that we are Italian and deal only in Italy.

Who is the typical customer of FuorITinerario?

A tourist who seeks an authentic tour, a private experience organized by the locals. A person who wants to be free to ask questions and to move at a calm and unhurried pace, which is impossible in a big standard group tour that travels on a bus for 50 people or more.
We work mainly with Americans from the USA and with people from other countries who speak English, who don’t have time to plan a tour in Italy but have good spending capabilities.
It is difficult for foreign people to find the right information quickly and optimize the itinerary; we know where to place them: we always choose good and central accomodations. If you go somewhere, you have to enjoy the place.

How is Umbria perceived abroad?

Umbria is not known at all. After being here, the tourists appreciate it, but the issue is to convince them to come, since they don’t know that Umbria exists. They don’t know the name and/or what can they find in here. To help them understand, we sometimes compare Italian regions: we say that Umbria is like Tuscany, but less crowded.
Another difficulty for tourism in Umbria is the road and rail transportation. The easiest way to travel here is by car, but tourists aren’t always willing to drive.

Which are the more requested Umbrian destinations?

Thanks to experience gained over the years we offer six destinations: Perugia, Lake Trasimeno, Assisi and Montefalco, Bevagna, Todi and Orvieto, Gubbio.
We also tested other tours, such as Spoleto and the Perugia countryside, but they didn’t work.
The area of Norcia and the Marmore Waterfalls are excluded from our tours, because a tour lasts about 8 hours and it takes too much time to get there.

What can be done to promote Umbria?

The facilities are good, but they are dispersed: there are many farm holidays not managed on site, while the tourist expects to be assisted. The farm holidays should give more services: you cannot leave the foreigner alone with the key of the apartment under the welcome mat and to hope that he will make do.

Concerning those administering tourism in the region, it makes sense to focus on facilities, tourist guides, and town festivals but tourists should also be offered more refined experiences to promote the best of all the possibilities for visitors to Umbria.

There are some big events (such as Eurochocolate and UmbriaJazz) and then many dispersed little events. A more harmonious organization would ensure a steady stream of visitors.
They should be more concerned about their visitors: what can a foreign tourist do in Perugia during Eurochocolate since there are no activities, workshops, lessons, etc. about chocolate in English?
If Umbria aims to be a big container of cultural and folkloric events, it must manage and communicate this better. Events should be a driving force to bring visitors in Umbria, even non-experts in certain fields; if exploited properly, awareness can be created and the destination made known to many more potential visitors.

As a citizen and an entrepreneur, I think that in Perugia there are some beautiful and stategical places which are not exploited in the right way, for example the Covered Market. If a stable maket was organized there, people would be more aware of the local products, the economy of the city and the region would improve, and the center of the town would look more alive to everyone, tourists and locals alike.
Perugia is a typical small town of the Italian provinces; events add a touch of modernity, but in the streets there should be a feeling of local color, a sense of the region lifestyle.

We must improve upon the culture of acceptance: any operator should speak foreign languages and be more helpful with clients, the University should boost the courses oriented to tourism (e.g. CST, the International Center for Studies on Tourism in Assisi). Increasing tourism should not be left only to the travel agencies and the hotels.

Assisi is a magnet that attracts many tourists to Umbria. Guided tours to other destinations of our region could be proposed to them, combining things to see and things to do. I believe that the decisive factor in the decision of a foreign tourist to come to Umbria is not its beauty (which is almost taken for granted), but the certainty of having interesting activities and unique experiences which will lead them to easily discover new and different aspects of Umbria. That is what FuorITinerario offers with Umbria Tours, but the same format would also work with Italian tourists.

Folkloric events should be enhanced: the Palio in Siena is very popular with tourists; in Umbria there is the Quintana and the Corsa dei Ceri, but the non-locals do not know anything about these events. To promote them, to simplify the purchase of tickets and to offer a suitable transportation would allow tourists to freely participate in the local culture and appreciate it even more.

Did you already know TED or TEDx?

Yes, I do. I saw some talks online, they are very stimulating because you can listen to new ideas and get to know interesting people in a fast and engaging format.

What prompted you to support TEDxAssisi?

TED is a deserving event, it was appropriate for us to support it locally and to associate the name of FuorITinerario to this kind of event. Our business and TED have much in common.

What values inspire your work?

The spirit of initiative: maybe you will fail, but is always worth it to try; it enhances the individual and the society.

Experimentation: we have a trial-and-error approach; mistakes can be a positive experience.

Innovation: who said that there is only one way to do things? We have opened a travel agency, which is a quite traditional activity, but we have done it in a different way: we deal with tourists coming into Italy rather than with Italians planning to travel abroad and we work only online.

Open-mindedness: to be provincial can be a value, but talking always to the same people can be a limiting factor. To work in English gives us more opportunities to work and learn; while we are talking with the tourists and the foreign travel agencies we are able to grasp new ideas.

Simplicity is the main theme of TEDxAssisi. Is it also part of your job?

Our job consists exactly of that. One of our most important values is to simplify the life of our clients and disturb them as little as possible in each step of the process so they don’t waste their time with details.
Clients want things to be easy, they do not have to understand how complex a service can be. If they are dragged into complicated planning business will be lost.
This applies to any activity: if I go out for a pizza and I cannot pay with my credit card because the system does not work, next time I will chose another place; if I want to buy a pair of shoes and there are new arrivals but I cannot find my size, I will return home and buy them online.
Clients are not forced to purchase our services; since they pay for that, our goal must be to make their lives easier.

To simplify means also to understand what they expect and what they need, and to guide them with good advice. On social media we have started a section called Italy Insider Tips, in order to advice foreigners about Italy; currently this information is very sought-after and creates value. Moreover, since we travel in Italy ourselves, we always give our clients a list of the restaurants that we like; this saves them time and makes their experience richer.

Giving advice also means reporting what does not work, because even negative feedback is useful for improving service. Even the smallest businesses in the outskirts can be judged and thanks to the internet an exchange of views with the client can take place in public. That is why it is important to always take responsibility, to manage the complaints, and to learn from mistakes.

To get further information about FuorITinerario go to www.discoveryouritaly.com or www.umbria-tours.com; you can follow FuorITinerario on Facebook, Twitter, Instagram and LinkedIn.

FuorITinerario – Discover your Italy è sponsor di TEDxAssisi. Abbiamo incontrato il suo co-fondatore e proprietario, Matteo Della Grazia, che ci ha parlato di turismo straniero in Umbria, opportunità e aree di miglioramento dell’accoglienza nella nostra regione e punti in comune tra FuorITinerario e il tema di TEDxAssisi, back to simplicity.

Descrivi brevemente la tua attività.

FuorITinerario è un tour operator incoming che organizza viaggi per turisti stranieri in Italia. Creiamo itinerari su misura sulla base dei loro interessi: aspetti culturali, attività enogastronomiche, tradizioni e così via. Non trascuriamo le attività classiche del turismo, come le visite a musei e chiese, ma aggiungiamo eventi tipicamente italiani.
Gli itinerari non sono una serie di tappe ma delle esperienze che fanno conoscere l’Italia e la cultura italiana allo straniero in maniera diversa, più approfondita. Il nostro plus è essere italiani e occuparci solo d’Italia.

Chi è il cliente tipo di FuorITinerario?

Un turista che cerca un tour vero, un’esperienza privata organizzata da persone locali; una persona che vuole avere il tempo di fare domande e spostarsi con calma, non partecipare a un tour di gruppo standard in un pullman da 50/60 persone.
Lavoriamo prevalentemente con clienti americani (statunitensi) o di lingua inglese (extraeuropei), con poco tempo per pianificare un viaggio in Italia ma con una buona disponibilità economica.
Per le persone che vengono da fuori è difficile trovare le informazioni giuste in modo rapido e ottimizzare l’itinerario; noi sappiamo dove collocarle: in strutture belle, ma anche centrali. Se vai in un posto, te lo devi godere.

Com’è percepita l’Umbria all’estero?

L’Umbria non è conosciuta. Quando i turisti vengono la apprezzano, il problema è, appunto, farli venire. È una meta difficile da proporre, perché non sanno che esiste; non conoscono il nome e quindi non ne conoscono il contenuto. Per aiutarli a capire a volte è necessario fare paragoni: spieghiamo loro che l’Umbria è come la Toscana, ma c’è meno gente.
Un altro punto a sfavore per il turismo in Umbria è il trasporto su strada e rotaia. Il modo migliore per girare è spostarsi in macchina e non tutti sono disposti a guidare.

Quali sono le mete umbre più richieste?

Grazie all’esperienza maturata negli anni proponiamo sei possibili mete: Perugia, la zona del Lago Trasimeno, Assisi e Montefalco, Bevagna, Todi e Orvieto, Gubbio. Abbiamo provato anche altri itinerari, come Spoleto e la campagna perugina, che però non hanno avuto il successo sperato. Resta fuori la zona di Norcia e le Cascate delle Marmore, perché un giro dura all’incirca 8 ore e ci vorrebbe troppo tempo per raggiungerle.

Cosa si può fare per valorizzare di più l’Umbria?

Le strutture sono buone, ma dispersive: ci sono molti agriturismi poco gestiti sul posto, mentre il turista si aspetta di essere seguito. Dovrebbero offrire più servizi: a uno straniero non puoi lasciare la chiave dell’appartamento sotto lo zerbino e sperare che si arrangi.

A livello regionale regolamentare le strutture, le guide turistiche, le sagre di paese ecc. è giusto, ma bisognerebbe perfezionare anche i contenuti turistici, promuovendo al meglio tutte le possibilità che l’Umbria offre.

Ci sono dei grandi eventi (ad esempio Eurochocolate o UmbriaJazz) e poi una dispersione di piccoli eventi. Un’organizzazione più armonica assicurerebbe un flusso costante di visitatori.
Bisognerebbe anche pensare all’utenza straniera: durante Eurochocolate cosa può fare un turista straniero a Perugia? Non ci sono attività, workshop, lezioni, ecc. in inglese sul cioccolato.
Gli eventi dovrebbero essere un volano per far venire anche persone non esperte in un certo settore: se sfruttati bene, creano notorietà e fanno conoscere la destinazione. Ma se l’Umbria vuole proporsi come un maxi contenitore di eventi culturali, flokloristici ecc. deve gestire e comunicare meglio tutto questo.

Da cittadino e da imprenditore, penso che a Perugia ci siano posti belli e strategici che non vengono valorizzati abbastanza: il Mercato Coperto è un esempio. Organizzare lì un mercato stabile farebbe conoscere le tipicità locali, creerebbe più economia a livello cittadino e regionale e renderebbe il centro più vivo per tutti, turisti e residenti.
Perugia è una tipica cittadina della provincia italiana; gli eventi danno un tocco di modernità, ma nelle strade si deve respirare la vita locale.

Bisogna migliorare la cultura dell’accoglienza: dare più professionalità agli operatori di settore in termini di lingue straniere e disponibilità nei confronti dei clienti, rilanciare le università orientate al turismo come il CST (Centro Internazionale di Studi sul Turismo) di Assisi. L’aumento del turismo non lo fanno solo le agenzie di viaggio e gli alberghi.

Assisi è un magnete che attira molti turisti in Umbria. Si potrebbero proporre loro dei tour guidati anche verso altre destinazioni della nostra regione, unendo cose da vedere a cose da fare. Credo che l’elemento determinante nella decisione di un turista straniero di venire in Umbria non sia tanto la bellezza dei posti, che è quasi data per scontata, quanto la certezza di poter svolgere delle attività interessanti e di vivere delle esperienze uniche, che gli facciano scoprire in modo semplice un territorio che non conosce.
Questo è quanto FuorITinerario offre negli Umbria Tours, ma è un format che funzionerebbe anche per i turisti italiani.

Vanno valorizzati gli eventi folkloristici: il Palio di Siena è molto amato dai turisti; in Umbria abbiamo la Quintana, la Corsa dei Ceri, ma chi non è del posto non conosce questi eventi. Fare comunicazione, semplificare l’acquisto dei biglietti e offrire un servizio di trasporto adeguato permetterebbe ai turisti di partecipare e apprezzare ancora di più la cultura locale.

Conoscevi già TED o TEDx?

Sì, conosco TED. Ho visto alcuni interventi online, sono stimolanti perché danno modo di conoscere nuove idee e persone interessanti attraverso un formato veloce e coinvolgente.

Cosa ti ha spinto a supportare TEDxAssisi?

TED è un evento meritevole, ci è sembrato opportuno supportarlo in ambito locale e associare il nome di FuorITinerario a questo tipo di iniziativa. La nostra attività e TED hanno molto in comune.

Quali valori ispirano il tuo lavoro?

Lo spirito d’iniziativa: magari andrà male, ma vale sempre la pena provarci; valorizza la singola persona e la società.

La sperimentazione: procediamo per tentativi, gli errori possono essere un’esperienza positiva.

L’innovazione: non è detto che le cose debbano essere fatte in un solo modo. Noi abbiamo aperto un’agenzia di viaggi, un’attività abbastanza tradizionale, ma l’abbiamo fatto in modo diverso: ci occupiamo di incoming invece di outgoing e lavoriamo solo online.

L’apertura mentale: la provincialità è un valore, ma parlare sempre con le stesse persone può essere un grosso limite. Lavorare in inglese offre più opportunità di lavoro e tante occasioni di apprendimento; parlando con i turisti e con le agenzie estere intuiamo nuove idee.

La semplicità è il tema portante di TEDxAssisi. Fa parte anche del tuo lavoro?

Il nostro lavoro consiste proprio nel semplificare la vita dei clienti, riduciamo al minimo il disturbo in tutte le fasi del processo, cosicché percepiscano anche il risparmio di tempo come un valore.

I clienti vogliono cose semplici, non devono percepire la complessità che c’è dietro un servizio, altrimenti perdi business.
Questo concetto è valido per ogni attività: se vado a mangiare una pizza e non posso pagare con la carta perché non funziona la linea, la prossima volta vado in un altro posto; se vado a comprare un paio di scarpe a inizio stagione e non trovo il mio numero torno a casa e le compro online.
I clienti non sono obbligati a scegliere un servizio; se pagano devi rendergli la vita semplice.

Semplificare significa anche capire quali sono le loro aspettative e i loro bisogni e guidarli con i consigli. Sui social abbiamo avviato una rubrica che si chiama Italy insider tips, per dare suggerimenti agli stranieri sull’Italia; ad oggi queste informazioni sono molto ricercate e creano valore. E poi, girando l’Italia in prima persona, diamo ai nostri clienti delle liste di ristoranti che ci sono piaciuti; questo fa risparmiare tempo e rende migliore la loro esperienza.

Consigliare significa anche segnalare cosa non funziona, perché anche i feedback negativi servono a migliorare il servizio. Anche le più piccole attività di periferia possono essere valutate e grazie alla rete il confronto col cliente può avvenire sotto gli occhi di tutti. Per questo è importante assumersi sempre le proprie responsabilità, gestire al meglio le critiche e imparare dagli errori.

Puoi trovare maggiori informazioni su FuorITinerario visitando il sito www.discoveryouritaly.com oppure www.umbria-tours.com; FuorITinerario è anche su Facebook, Twitter, Instagram e LinkedIn.

Leave a Reply